lunedì 21 novembre 2016

Tiramisù...en pointe per l'MTC n°61: pompelmo rosa, cioccolato bianco e pistacchi

Quando ho scoperto la ricetta della nuova sfida dell’MT Challenge mi sono messa le mani nei capelli (o forse no, perché li avevo già dritti). Cito, così ci credete anche voi: Il sexy tiramisù di Susy May del blog Coscina di Pollo”.

Eeeh???

Non bastava il tiramisù -  il dolce che non ho mai capito e che ho sempre evitato con cura, al quale mi sono accostata per ultimo e con grande terrore/reverenza, per forza o per amore… Non bastava il tiramisù, con le sue tremila calorie, lo spauracchio delle uova crude e la minaccia incombente degli albumi smontati… pure sexy qui lo vogliono!
Sexy, io??? Io che in discoteca sono rigida come un manico di scopa e forse - dico forse - dopo qualche birra riesco ad avvicinarmi un po' di più al tubo di un aspirapolvere! Al massimo chic, raffinato, minimal, femminile… ma sexy non è proprio nel mio vocabolario, ve lo garantisco!
E allora, se volete farvi due risate, vi racconto cosa ho escogitato.

Dopo aver passato in rassegna gli ultimi film visti (la Jolie? Poverina, meglio lasciarla stare, dopo tutti quei gossip! La Roberts? Troppo scontato, visto che passa un film intero a mangiare :-P ), è stata una folgorazione... E mi è venuta in mente lei: Natalie Portman! 
Sfido chiunque a dire che la Portman non sia sexy
Ma non una Portman a caso, LA Portman del "Cigno Nero", un concentrato di grazia e delicatezza, e allo stesso tempo forza e determinazione.  
Al di là del discutibile messaggio che il film trasmette sul mondo della danza, indimenticabile la scena finale in cui lei, bella e terribile, interpreta la morte del cigno per l'ultima volta, con tutte le energie che le rimangono, prima di accasciarsi a terra, uccisa con le sue stesse mani da un frammento di specchio.
Quando poi ho scoperto che la Portman era di origini israeliane, ogni pezzo è andato al suo posto e, come per magia, è nato questo "Tiramisù... en pointe".
Sono tre gli ingredienti principali: pompelmo rosa israeliano, aspro come il sudore e la fatica che ogni ballerino deve conoscere (nonché colazione della protagonista del film); pistacchi, anch'essi immancabili nella cucina del Medio Oriente; e infine cioccolato bianco, dolce e voluttuoso come la femminilità e la sensualità che solo la danza (e la Portman nel film!) sanno esprimere. 
Tre ingredienti in perfetto equilibrio, come una ballerina che danza sulle punte, per un tiramisù strano e ingannevole come l'atmosfera del thriller ma arioso e fresco, come un pezzo di Tchaikovsky.
Non so se ci sono riuscita, ma è questa l'idea che ho cercato di tradurre in sapori.
 
E adesso potete dire quello che volete: che questa roba qui, con la Portman non ci azzecca un tubo, e che le ballerine il tiramisù non lo mangiano neanche in pensione… ma io ne vado proprio fiera, di questa roba qui, e allora sapete che vi dico? Peggio per voi, perché non ve ne lascio nemmeno un pezzettino! ;-))
 
TIRAMISÙ… EN POINTE AL CIOCCOLATO BIANCO, POMPELMO ROSA E PISTACCHI PER L’MTC N°61

Ingredienti per 4 persone:
Per i savoiardi al pistacchio:
40 g di pistacchi sgusciati
50 g di fecola di patate
70 g di farina 00
125 g di zucchero
100 g di albumi
80 g di tuorli
25 g di miele millefiori
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
Zucchero a velo q.b.


1) Separate gli albumi dai tuorli.
Montate gli albumi con le fruste elettriche; quando raddoppiano di volume aggiungete in due o tre volte lo zucchero, sempre montando ed aumentando la velocità. Dopo circa 10-12 minuti saranno montati a neve ferma.


2) Nel frattempo sbattete i tuorli con il miele, quindi unite questo composto alle chiare montate usando una spatola e con movimenti dal basso verso l’alto.

3) Unite quindi la farina e la fecola setacciate, i pistacchi ridotti in una farina finissima e l'estratto di vaniglia, sempre molto delicatamente.

4) Riempite una sac-à-poche con bocchetta liscia da 10-14 mm. Formate dei bastoncini lunghi circa 8 cm su una teglia coperta di carta forno e leggermente imburrata.

5) Spolverate con lo zucchero a velo, aspettate che sia assorbito e spolverate di nuovo (servirà a far venire la crosticina superficiale). Quando li infornate lo zucchero dovrà essere completamente assorbito.

6) Cuocete in forno già caldo statico a 180°C per i primi 3 minuti con lo sportello chiuso e poi per altri 4 minuti con lo sportello leggermente aperto (basterà incastrare il manico di un cucchiaio di legno nella porta).

7) Sfornate e fate raffreddare completamente i savoiardi prima di rimuoverli dalla teglia, poiché saranno molto morbidi. 

Per la bagna:
Succo di ½ pompelmo rosa (50 g circa)
50 g di acqua
20 g di zucchero semolato (Circa 1 cucchiaio)

Mettete l’acqua e lo zucchero in un pentolino, portate a bollore e mescolate fino a completo scioglimento. Lasciate raffreddare e unite il succo del pompelmo.

Per la crema:
2 uova (tuorli e albumi separati)
2 cucchiai rasi di zucchero
80 g di cioccolato bianco
250 g di mascarpone
Scorza grattugiata di ½ pompelmo rosa (per me israeliano)

1) Sciogliete a bagnomaria il cioccolato. Lasciate intiepidire e tenete da parte.
2) Montate i tuorli con lo zucchero e la scorza del pompelmo. Quando sono chiari e spumosi aggiungete il mascarpone, mescolate bene, poi il cioccolato bianco e mescolate ancora.
3) Montate gli albumi a neve ferma e aggiungeteli in 2-3 volte al composto di tuorli, mescolando delicatamente con una spatola dal basso verso l’alto, facendo attenzione a non smontare il composto.

Per finire:
50 g di pistacchi tritati (al naturale)

Inzuppate velocemente i savoiardi al pistacchio nella bagna al pompelmo e disponeteli sul fondo di ogni coppa.
Coprite con una cucchiaiata di crema al cioccolato bianco e una manciata di pistacchi tritati. Continuate con un altro strato di savoiardi, crema, pistacchi e così via fino ad arrivare all'orlo della coppa. Terminate con qualche pistacchio tritato o una spolverata di zucchero a velo.
Fate riposare un paio d’ore in frigorifero e servite il tiramisù al cioccolato bianco, pompelmo e pistacchi.
Con questa ricetta partecipo alla sfida n°61 dell'MT Challenge, che ha per tema "Il sexy tiramisù" di Susy May, del blog Coscina di pollo:
Se siete arrivati fin qui a leggere, non posso che offrivi una coppa di tiramisù...e darvi appuntamento alla prossima ricetta!! ;-)
E. <3

14 commenti:

  1. Incredibile questo nuovo post... Mi hai fatto proprio divertire, le foto poi sono proprio belle; ho apprezzato tantissimo la tua scelta di presentare il tiramisù già "assaggiato", proprio adatto al tema e allo stile del post. E dire che è un dolce che odio... Mi è venuta voglia di assaggiarlo! Spero che questa proposta sia apprezzata dalla giuria del contest (non so bene come funzionino queste cose)... Grazie di avermi regalato delle nuove emozioni culinarie, al prossimo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mezza giuria e' in ginocchio :)

      Elimina
    2. @Silvia grazie a te!! Una coppa di tiramisù è già da parte per te ;-)

      Elimina
  2. A me piace moltissimo, fresco e delicato come la Portman...il legame ognuno lo trova come vuole, no? ;-)

    RispondiElimina
  3. Mi piace molto la tua idea ;) Complimenti

    RispondiElimina
  4. Non ho visto il film (questa sfida mi sta servendo per stilare liste e liste di film che mi sono persa), ma mi sembra azzeccato il tuo tiramisù, e mi fa una gran gola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei in buona compagnia... Anche io mi sono accorta di avere una cultura cinematografica desolante! :-P

      Elimina
  5. che meraviglia, Elisabetta....qui c'e' un concentrato di raffinatezza, dall'ispirazione alla ricetta, e la magia e' la stessa che emana dalla grazia della danza e dalla spelndida interpretazione della Portman, nel film che citi. Il tuo Tiramisu' ne e' il corollario, per l'armonia della composizione e dei sapori. E questa partecipazione e' davvero da incorniciare. Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Sono felice di essere riuscita a trasmettere un pizzico di quella magia che sono per me la danza, la cucina, la bellezza... ;-)

      Elimina
  6. La prima cosa che ho pensato appena l'ho visto è stata "che eleganza"! E, beh, anche l'eleganza può essere sexy (anche l'intelligenza, per dire, lo è :-))E poi sei riuscita a farlo diventare un tiramisù nel migliore dei modi.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabio! Per fortuna :-P E ammetto che piano piano, sotto sotto, il tiramisù sto imparando ad amarlo anche io...

      Elimina
  7. Un tiramisù veramente sorprendente, concordo con coloro che prima di me hanno detto che è elegante.
    Ho apprezzato la ricerca cinematografica e quella degli ingredienti, è coerente con la bellezza di Natalie che io ho amato fin dai tempi di Lèon, mio film preferito tra l'altro.
    E meno male che non hai mai capito io tiramisù, perchè ti è venuto BENISSIMO.
    Complimenti veramente una bella proposta...io avrei azzardato con la foto dando una dualità maggiore tra cigno bianco e cigno nero, ma comunque la foto è davvero molto bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello!! Grazie davvero Susy! :-)) Sulla parte fotografica ho ancora parecchio da imparare, ma mi sto già mettendo sotto, giuro!

      Elimina